La carta igienica è un problema per chi ha un pozzo nero. In questa cisterna dove confluiscine le acque di scarico di casa, va a finirci anche tutto quello che viene messo nel wc, compresa la carta igienica. Questa crea massa, cioè ha un determinato volume che va a riempiere il pozzo nero. La vasca sotterranea si riempie molto più in fretta per colpa della carta igienica. Per tale motivo, si è poi costretti a chiamare più spesso la ditta per lo svotamento e pulizia del pozzo, avendo una spesa più frequente da sostenere. Per poter finalmente diminuire le volte in cui si chiamano gli addetti per lo spurgo, ci sono due soluzioni differenti da adottare in merito alla carta igienica.

Soluzione 1

La prima soluzione per evitare che la carta igienica costituisca troppo massa all’interno del pozzo, è non buttarla nello scarico del wc. Ogni volta che si usa la carta igienica, questa poi va buttata in un cestino apposito. In ogni bagno va messo un piccolo cestino dove mettere la carta igienica in maniera che non finisca nello scarico e poi nel pozzo nero, creando i problemi di cui si parlava prima. Può sembrare un po’ strano ma spesso chi ha un pozzo nero per la raccolta delle acque reflue, utilizza questo sistema. In tale maniera, dentro al pozzo nero ci vanno a finire solo acqua e deiezioni, rallentando il tempo in cui il pozzo si riempie.

Soluzione 2

La seconda soluzione per non riempire troppo in fretta il pozzo nero con la carta igienica. È usare una tipologia diversa. Chi usa carta igienica a molti strati e profumata, probabilmente usa una tipologia che dentro ha anche dei filamenti di plastica che non sono compatibili con il sistema. Quello che si deve fare è preferire carta igienica biodegradabile. Questa può esser messa tranquillamente dentro al wc tanto poi si dissolve a contatto con l’acqua senza creare massa, riuscendo a rallentare la velocità con cui il livello dentro al pozzo nero sale.

Per prenotare uno spurgo professionale: www.spurghi-milano.net